One Punch-Man: Capitolo 85

In breve

Il 28 Dicembre è uscito il capitolo 85 di One Punch-Man e già dal giorno seguente erano reperibili su internet delle traduzioni in inglese. Il titolo è “Is it because I’m the Caped Baldy?” e se non l’avete ancora letto potete recuperarlo qui: http://www4.mangafreak.net/Read1_Onepunch_Man_133.

Invero questo è un semplice capitolo di transizione, come giusto che sia dato che si è appena conclusa una sezione ad alta tensione e sta per cominciarne un’altra ancora più impegnativa: è da poco terminato lo scontro che ha visto coinvolti prima Garou e poi Elder Centipede contro diversi eroi delle classi B, A e S e vediamo in che modo l’Associazione degli Eroi si sta preparando per far fronte all’imminente battaglia contro l’Associazione dei Mostri. In particolare abbiamo modo di vedere cosa succede su 2 fronti, da una parte vediamo proprio cosa accade all’interno del quartier generale dell’Associazione e dall’altra cosa avviene a casa del nostro amato protagonista, Saitama.

Dettagli e speculazioni

Nonostante si tratti di un capitolo totalmente privo di azione non mancano parti interessanti, sono diversi i dettagli che possiamo notare. Viene innanzitutto riconosciuta la pericolosità di Garou, che è a piede libero dopo aver combattuto già con 5 eroi di classe S, viene quindi classificato come calamità di livello drago. Riceviamo poi qualche informazione in più su Blast, nulla di utile per noi purtroppo, però capiamo che mentre Metal Knight, a cui comunque piace agire di testa propria, è un eroe a tutti gli effetti, con Blast ci troviamo di fronte a una sorta di eroe freelance, che agisce solo quando e come gli pare, ma che l’Associazione degli Eroi tiene comunque in considerazione in modo speciale.

Riusciamo anche a vedere in che modo l’Associazione si sta preparando ad affrontare la minaccia dei mostri, per ora nel quartier generale troviamo Tatsumaki, Superalloy Darkshine, Pig God, Child Emperor, Atomic Samurai di classe S e i primi 4 eroi classe A: Sweet Mask, Iaian, Okamaitachi e Bushidrill. Veniamo inoltre a conoscenza di importanti notizie. Drive Knight, eroe che non era mai stato sconfitto, risulta irreperibile e si pensa che la sua “imbattibilità” sia venuta meno. Vediamo Zombieman che agisce come un lupo solitario continuando le investigazioni per suo conto. Devo riconoscere che ho molto apprezzato questi 2 personaggi che operano in questo modo. Otteniamo dal dialogo tra Child Emperor e Metal Knight, le due menti dei classe S, delle notizie importantissime, infatti sembra che Bofoi sia l’unico ad ora ad aver capito la gravità del problema che stanno affrontando, effettivamente sembra che Orochi abbia un potere troppo grande per tutti tranne che per Saitama. Abbiamo notizie anche per quel che riguarda Pri-Pri-Prisoner, lo vediamo prima sconvolto nell’apprendere che i prigionieri a cui tanto è affezionato sono stati reclutati in massa da Nyan, poi incredibilmente motivato, pronto ad affrontare la situazione. Ricordandoci inoltre che Metal Bat e Tanktop Master sono al momento fuori gioco per i combattimenti con Garou, gli unici classe S la cui posizione al momento non è nota sono Blast, Watchdog Man, che starà sicuramente sorvegliando Q-City, e Flash, che però, stando al webcomic, probabilmente vedremo a breve.

I restanti classe S li troviamo infatti a casa di Saitama. C’è King che gioca a Pokémon col nostro protagonista e comunque non ha nessun valore per un contesto bellico, ci sono Genos e Bang in fase di riparazione dopo lo scontro con i 2 esseri di livello drago e c’è anche Bomb, che pur non essendo un eroe ha un notevole valore in questa situazione, in tutto e per tutto comparabile a quello dei più forti classe S, anche lui al momento è a riposo. E vediamo la bella Fubuki interagire con questo sempre più strampalato gruppo di individui che si stanno unendo alla “cricca di Saitama”.

C’è anche un’altra situazione da tenere a mente: è vero che l’Associazione dei Mostri ha dato un ultimatum agli eroi di 3 giorni, di cui ne è già trascorso uno, ma è anche vero che al momento i mostri hanno in ostaggio Waganma, figlio di Narinki, il principale finanziatore dell’Associazione. Narinki infatti, insoddisfatto per l’assenza di Blast e per la risposta relativamente lenta da parte degli eroi decide di agire per conto proprio ingaggiando una squadra privata d’élite, a cui viene affidato il compito di portare in salvo il suo erede. Qui penso sia giusto approfondire un attimo, innanzitutto le “supertute” di cui la squadra è fornita sono una diretta citazione di Gantz, poi penso non sia necessario neppure imparare i nomi di questi 7 sventurati, mi sembra di capire che siano carne da macello, credo saranno utili solo come strumento narrativo, ovvero adesso noi abbiamo visto come l’Associazione degli Eroi si sta preparando alla guerra, ma non abbiamo visto in che modo l’Associazione dei Mostri si sta preparando, ricordandoci anche che adesso Garou si trova con loro, credo che questi 7 saranno solo l’escamotage che ci permetterà di vedere come se la passano i mostri.

One Punch-Man nasce come webcomic nel 2009,  ideato dalla mente geniale dello scrittore anonimo che si firmerà con lo pseudonimo di ONE. A seguito del successo che l’opera stava riscontrando ONE viene contattato da Yusuke Murata, noto ai più per il manga Eyeshield 21, il sodalizio tra i due porta alla creazione di una seconda edizione del manga, disegnata da Murata e scritta da ONE, i cui capitoli, pubblicati dal 2012 sulla rivista Weekly Young Jump, sono poi raccolti in tankōbon editi dalla Shūeisha. La versione italiana dei volumi, pubblicati dal 2016 con cadenza trimestrale, viene curata dalla Planet Manga, gruppo della Panini Comics. One Punch-Man è un manga seinen che narra le vicende dell’apatico Saitama che vive in un mondo di eroi e di mostri, eroe per hobby che ha raggiunto l’apice della forza e che con un suo singolo pugno è in grado di debellare qualsiasi tipo di minaccia.

Continuate a seguirci per rimanere informati su tutte le novità!


CATEGORIES
TAGS

COMMENTS

Wordpress (0)