Analisi capitolo 36 di Boruto: Naruto Naruto Next Generation

Il capitolo si apre con una scena riguardante Boruto, con il suo Karma che si attiva improvvisamente. Tale avvenimento lo impensierisce, tanto da considerarlo un brutto presentimento. Boruto, decide quindi di tornare indietro verso Kawaki.

 

La calma prima della tempesta

Nella scena seguente troviamo Kawaki in cerca del pezzo mancante del vaso di Himawari, che vuole disperatamente aggiustare. Naruto gli dice di lasciar perdere in quanto Hinata, pulendo ogni giorno la casa, lo avrà buttato di sicuro. Kawaki però risponde con molta determinazione, dicendo che avrebbe continuato finché non se ne fosse accertato di persona. Questo fa capire quanto Kawaki abbia preso sul personale questa “sfida” e ci porta a pensare che lui voglia farsi perdonare e accettare completamente dalla famiglia Uzumaki. Vi è anche un valore simbolico nel vaso: siccome contenitore come lui, Kawaki tiene alla riparazione del vaso in quanto anch’esso si sta “riparando”.

Nel frattempo…

Sakura si trova al negozio di Ino e sta comprando dei fiori per Sasuke, dato il suo imminente ritorno. Mentre le due parlano, Sarada raggiunge il negozio e finalmente trova la madre, chiedendole di dirgli quello che sa sul Byakugo, la tecnica rigenerativa utilizzata da lei e Tsunade. Sakura risponde dicendo che il Quinto gli aveva detto che questa tecnica è molto antica e risale ai tempi dell’Eremita delle Sei Vie. Questa rivelazione avvalora l’ipotesi pensata nel capitolo precedente. Il Byakugo è probabile che abbia dei collegamenti con il Karma, in quanto sono tutte e due tecniche inventate in modo diretto dagli Ootsutsuki. Che il Byakugo sia una forma “leggera” del Karma? Come sappiamo, anche agli utilizzatori della “Tecnica della Rigenerazione Mitotica” appaiono vari segni sulla pelle e ricordano quelli che emergono anche agli utilizzatori del Karma. Nel mentre, Ino (attuale capoclan degli Yamanaka e di conseguenza anche della squadra dei sensitivi di Konoha) rileva un enorme quantità di chakra oscuro molto vicino a Naruto.

Kashin Koji invece…

Intanto rivediamo ancora una volta Kashin Koji, che come sempre è fermo a scrutare con attenzione ogni movimento di Kawaki. Come sappiamo lui non ha ancora agito, pur avendone avuto l’occasione più volte; quasi come se stesse aspettando qualcosa. Il combattimento con Delta è finito da un po’ di tempo ormai e Jigen sarà venuto sicuramente a conoscenza che anche Boruto possiede il karma e si pone la domanda: “Che cosa farai ora?”. Questo conferma l’impressione che Kashin Koji non sia dalla parte di Jigen, anzi più che altro non è dalla parte di nessuno, vuole solamente studiare cosa Jigen stia facendo o cosa stia per fare. Mentre Kashin Koji prova a determinare quando e quale mossa potrebbe fare, un improvviso risvolto nella storia si manifesta.

L’apparizione di Jigen

Ebbene sì, l’oscuro ed enorme chakra rilevato in precedenza da Ino è proprio il suo, quello di Jigen. Incredibilmente riesce ad apparire grazie al Karma di Kawaki, infatti ha aperto un tunnel spazio temporale che è uscito proprio dal sigillo sulla mano del ragazzo e il volto di quest’ultimo è la più pura rappresentazione della paura. Il momento che tutti noi abbiamo aspettato è arrivato, un faccia a faccia tra Naruto e Jigen. Quest’ultimo dice di non voler combattere e di desiderare solamente Kawaki, l’Hokage ovviamente rifiuta e parte all’attacco, ma Jigen contrattacca con un movimento repentino e potente dando un forte calcio al ventre di Naruto, inoltre lo immobilizza con dei paletti molto probabilmente di chakra che rispecchiano fortemente quelli che ha utilizzato Pain. Con Naruto momentaneamente fuori gioco, Jigen discute con Kawaki, chiedendogli se veramente vuole rimanere li, gli dice che a Naruto non gli interessa di lui ma solo della pace del suo villaggio. Dice inoltre che è lui l’unico che può fare davvero il suo bene e non quel “codardo” di Naruto. In quel momento Kawaki perde le staffe, dicendo di non mancare di rispetto all’Hokage, questo rappresenta quindi la definitiva approvazione di Kawaki verso Naruto e che il loro legame è diventato molto forte.

E questa è la forma che Kawaki ottiene quando il Settimo viene insultato da Jigen. Qualcosa di familiare? Ebbene si, la forma assomiglia in tutto e per tutto a quella assunta da Jigen nel tempio. Molto probabilmente questo è un nuovo stadio del karma appena “sbloccato” da Kawaki, che addirittura impressiona Jigen appena lo vede. Naruto, vedendo il nemico distratto fa uso del chakra di Kurama per liberarsi e attacca con un forte calcio nel volto dell’ uomo. Vediamo in seguito Jigen rialzarsi e il suo corpo è interamente segnato dal karma. Il capitolo si conclude in questo modo, ma noi di certo non ci fermiamo qui.

Conclusione

Ci sono molte altri quesiti che potrebbero sorgere e ai quali si potrebbe rispondere tirando varie ipotesi. Ad esempio, riuscirà anche Boruto a raggiungere quel livello? Essendo collegati forse si, ma solo a causa del legame tra i due sigilli. Potrebbe, in ogni caso, effettivamente raggiungere quello stadio? Abbiamo notato che la forma di Kawaki e di Jigen, che fa utilizzo totale del Karma, è apparentemente simile, che questo sia per via del loro legame? Se così fosse Boruto non sarebbe in grado di avere quell’aspetto in quanto non ha collegamenti con Jigen, ma potrebbe invece assumere una forma simile a quella di Momoshiki. Come dice Kashin Koji, Jigen sembra aver sempre avuto la possibilità di raggiungere Kawaki, quindi la sua missione non aveva motivo di esistere. Molto probabile è il fatto che Jigen sospetti di Koji e che non abbia detto niente in modo da farlo agire normalmente e magari con la guardia abbassata. Si vede inoltre che Jigen nota subito la rana spia di Koji. Altra domanda che sorge spontanea riguarda la situazione di Sasuke. Come abbiamo visto la situazione del tempio è stata totalmente tralasciata, che cosa è successo prima dell’ apparizione di Jigen in casa Uzumaki? Si può notare che Jigen è tornato dal tempio mentre Sasuke no, ma su questo non c’è motivo di allarmarsi, guardando la copertina del capitolo vediamo Sasuke assieme a Boruto e Mitsuki quindi ipoteticamente, al nostro ex co-protagonista non è accaduto nulla di grave. Potrebbe però rimanere nel tempio e fare molte altre ricerche, ad esempio su come il Juubi si trovi in quel luogo, come fa ad essere in vita senza il chakra degli altri cercoteri e se sia effettivamente lo stesso Juubi che conosciamo. Inoltre qual è l’eventuale scopo di quelle proiezioni? e perché Jigen è affiancato a Kaguya? Aspettiamo quindi lo scontro tra Naruto e Jigen nel prossimo capitolo, che ricordo uscirà il 20 Agosto in Giappone. Per leggere il capitolo in italiano, passate dal gruppo Telegram di Naruto https://t.me/narutolegacy.

Boruto: Naruto Next Generations è un manga scritto da Ukyo Kodachi e disegnato da Mikio Ikemoto con la supervisione di Masashi Kishimoto. Esso costituisce uno spin-off e un sequel di Naruto, dello stesso Kishimoto. L’opera è pubblicata in Giappone sulle pagine di “Weekly Shonen Jump” a cadenza mensile da maggio 2016. Viene pubblicato in Italia dalla Panini Comics da Ottobre 2017. Un adattamento anime, prodotto da Pierrot, ha iniziato la trasmissione televisiva in Giappone su TV Tokyo il 5 aprile 2017.

 

Continuate a seguirci per rimanere informati su tutte le novità!


CATEGORIES

COMMENTS

Wordpress (0)