One Piece: Il sogno di Wano (Analisi capitolo 993)

Inizia il contrattacco nemico in questo 993. Mentre nella capitale la gente è presa dai festeggiamenti, ad Onigashima la battaglia infuria.

Miniavventura

Questa settimana la miniavventura ci mostra il matrimonio tra Lola e Gotti. Finalmente la piratessa è riuscita a trovare marito e a ricongiungersi con la sua famiglia. Quello che però stiamo tutti aspettando è un risvolto di trama che possa creare un collegamento con archi narrativi futuri. Il matrimonio potrebbe attirare le attenzioni di Loki, principe dei giganti ed ex promesso sposo di Lola, da cui è stato rifiutato?

Il contrattacco nemico

One Piece Chapter 991 Queen Gun Pisto Anime Style

Nella capitale la gente festeggia il festival del fuoco. L’unico giorno all’anno concesso al popolo in cui è possibile far festa, bere acqua fresca e pulita, mangiare a sazietà, divertirsi e sognare. La situazione ad Onigashima ci appare però totalmente diversa. Nei pressi del palcoscenico i proiettili speciali di Queen stanno seminando il panico. Questi ci appaiono come una versione potenziata di quelli visti ad Udon, infatti, riescono a trasformare i malcapitati in oni di ghiaccio in grado di trasformare a loro volta altre persone tramite il morso. Nel frattempo al primo piano sotteraneo del castello di Onigashima, Luffy e Sanji continuano la loro scalata. Il cuoco intima a Luffy di risparmiare le energie e di far fare tutto a lui. La loro corsa però subisce una battuta di arresto. L’headliner Briscola con al suo seguito un gruppo di gifters blocca la strada dei due mugiwara. Mentre questi sono impegnati a litigare per decidere chi debba occuparsi dei nemici, arriva Jinbe che con il suo karate degli uomini-pesce spazza via gli avversari. Da un’ altra parte, King riceve da Bao Huang le informazioni sul numero dei nemici e sulla posizione di Momonosuke ordinando ai Tobi Roppo di ucciderlo, così da spezzare l’animo dei samurai. Sasaki e la divisione armata riescono a trovare il piccolo Kozuki e subito inizialo ad attaccarlo. Shinobu gli fa da scudo rimanendo gravemente ferita, per poi essere salvata a sua volta da Yamato, pronto a difendere Momonosuke. Nel frattempo sul tetto, Kaido si rialza dopo il violento colpo subito. L’imperatore è deluso dai foderi rossi poiché questi non sono forti come Oden e non gli sono nemmeno paragonabili. Una volta rialzatosi colpisce i samurai con delle lame di vento che tagliano un braccio e la spada di Kiku.

Un giorno di festa

One Piece Chapter 993 Fire Festival Wano Anime

Il festival del fuoco, l’unico giorno dell’anno dove tutti gli abitanti possono sognare, festeggiare, dove possono mangiare e bere acqua pulita, dove le fabbriche sono chiuse e non inquinano l’aria del paese. L’unico giorno dove non c’è Orochi. Gli abitanti festosi innalzano una statua di carta e bambù raffigurante Oden Kozuki (tipologia i statue tipica di alcuni festival del Giappone che tutt’oggi si celebrano), il nemico numero uno dello shogunato Kurozumi. Questa festività richiama i Saturnalia romani (festività dove  venivano organizzati numerosi banchetti sia nei templi del dio Saturno sia nelle case private, dove i padroni si mostravano più generosi con gli schiavi, concedendo loro pasti più abbondanti e la possibilità di bere anche senza freni. Addirittura erano loro a portare in tavola le vivande, mettendo in atto una sorta di rovesciamento sociale impensabile in altri momenti dell’anno) e varie celebrazioni affini che venivano concesse dai governanti così da poter tenere a freno il popolo e scongiurare ribellioni. Quello che gli abitanti di Wano non sanno è che comunque andranno le cose ad Onigashima, questo sarà l’ultimo festival del fuoco. Infatti, se dovesse vincere Kaido, Wano diventerebbe la nuova Onigashima e la popolazione si troverebbe in una situazione ancora peggiore di quella vissuta sotto lo shogunato Kurozumi, mentre se dovesse trionfare l’alleanza, il paese sarebbe liberato dalla presenza degli invasori e riacquisterebbe la pace e la prosperità che distingueva il paese sotto lo shogunato Kozuki.

La prima svolta del conflitto

Nonostante sulla carta gli avversari siano formidabili, fino a questo capitolo l’alleanza era riuscita a superare ogni difficoltà portandosi in netto vantaggio. Grazie alla gigantesca operazione di infiltrazione condotta dai foderi, i nostri erano riusciti a sferrare un attacco a sorpresa gettando nel caos i nemici. Adesso però l’esercito di Kaido si è riorganizzato e ha iniziato a contrattaccare. King prende in mano la situazione ordinando di uccidere Momonosuke così da spezzare lo spirito dei samurai e fargli perdere la volontà di combattere. L’all star di Kaido da segno di buone abilità strategiche e organizzative e sembra essere a tutti gli effetti quello con maggior potere e giudizio nella ciurma dell’imperatore. Il piccolo Kozuki che ha a difesa di se stesso solo Yamato e una Shinobu gravemente ferita si trova adesso in grande difficoltà. Anche la situazione sotto il palcoscenico non è delle migliori. Queen ha scatenato un virus più potente di quello che abbiamo visto a Udon e ha intenzione di intrappolare i samurai all’interno del palazzo tagliandogli tutte le vie di fuga. Inoltre ricordiamo che pochi capitoli fa Apoo aveva chiamato a se i Numbers rimasti così da farli scatenare. Come se non bastasse Big Mom si trova in prossimità dell’ingresso principale al pieno delle sue forze mentre Kaido sul tetto ha iniziato il suo contrattacco, abbattendo uno dei foderi rossi con un solo colpo. Per la prima volta la situazione ci appare critica e torniamo ad assaporare quel senso di inferiorità iniziale dei protagonisti che ha sempre caratterizzato gli archi narrativi precedenti.

Giappone su Fuji Tv, l’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata “All’arrembaggio!”, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece.

 

Continuate a seguirci per rimanere informati su tutte le novità!


CATEGORIES

COMMENTS

Wordpress (0)