One Piece: Il 2020 dell’opera

L’edizione 1 di Weekly Shonen Jump, uscita oggi in Giappone, ha segnato l’inizio del nuovo anno fiscale della rivista, perciò possiamo dire che il 2020 per le varie opere di Shonen Jump, tra cui One Piece, è giunto alla sua conclusione. Un anno strano, atipico per ovvi motivi: Toei Animation e l’adattamento animato hanno subito uno stop di due mesi, mentre il manga di Eiichiro Oda rallentamenti e pause più frequenti. Tuttavia, a parte tutto ciò che abbiamo citato sopra, cos’è successo in questo 2020 di relativo a One Piece?

Recap dell’anno

Attraverso la seconda parte del flashback di Oden Kouzuki e l’inizio dell’assalto di Onigashima, Oda ha messo diversa carne al fuoco, quindi ecco un riassunto dei punti focali di questi 34 capitoli di storia!

– Inizio del viaggio di Oden con Barbabianca
– Presentazione di Toki, proveniente dal Secolo Buio
– Nuove informazioni riguardo Lodestar e Laugh Tale (romanizzata anche nel manga)
– Vecchia locazione del quarto Road Poneglyph (Isola degli Uomini-Pesce)
– Scontro tra Kaido&Orochi e Oden
– L’ora della leggenda e la morte di Oden
– Rivelazione dell’identità della spia di Orochi, Kanjuro
– Rivelazione dell’identità di Kyoshiro, Denjiro
– Arrivo di Jinbe a Wano
– Presentazione dei Tobiroppo
– Inizio dell’assalto ad Onigashima
– Arrivo di Marco, Izo, Nekomamushi e riunione dei Foderi Rossi
– Arrivo di Perospero a Onigashima
– Apparente morte di Orochi e Kanjuro
– Introduzione di Yamato
– Rivelazione del progetto Nuova Onigashima
– Combattimento tra i Foderi Rossi e Kaido, terminato con la vittoria di quest’ultimo
– Inizio dello spostamento di Onigashima

Tema dell’anno

La volontà di Oden è senza dubbio il tema più caldo di questo 2020. Se all’inizio, nella prima parte del flashback, ci eravamo trovati davanti un Oden affamato di avventura, intenzionato a lasciare tutto per viaggiare e visitare il mondo esterno, nel suo proseguo abbiamo visto la crescita e l’evoluzione del personaggio. Egli comprese l’importanza della sua posizione e quali fossero i suoi doveri in quanto legittimo Shogun del paese di Wano. Quindi, decise di prendersi l’intero paese sulle spalle, accettando le condizione di Orochi e rinunciando pubblicamente alla sua dignità, diventando in breve tempo lo “Sciocco Signore” di Kuri.

“Lui è Oden Kouzuki, lo sciocco signore di Kuri!! Ha molta paura delle serpi, se ora ridi perdi!!”

Sulle note di questa canzoncina cantata dai bambini della capitale e tra le risate della popolazione ignara, Oden ballava; il popolo lo derideva, ma lui aveva a cuore solo la loro incolumità. In seguito, scoprendo l’inganno e le bugie di Orochi e trovatosi con le spalle al muro, scoppiando in un pianto fragoroso, decise di affidarsi ai suoi sottoposti. Se stessimo parlando di una fiaba, probabilmente l’eroe grazie all’aiuto dei suoi fedeli compagni avrebbe sconfitto l’esercito nemico e riportato la pace nella terra dei samurai, tuttavia quella di Oden è una vera e propria tragedia teatrale.

Ci siamo trovati così Oden, dopo una cocente sconfitta, a reggere sulle spalle i suoi servitori per un’ora, immerso in un calderone di olio bollente, per avere salva la vita. Davanti a quello che si può definire un miracolo di resistenza, la popolazione venne messa davanti alla verità, grazie alle parole di Shinobu. In quel frangente il loro salvatore era lì, ad un passo dalla morte.

“Io sono Oden e sono nato per bollire!!”

Mentre il paese gridava la sua frase a squarciagola, il corpo di Oden, con un sorriso dipinto in volto, finiva sul fondo del calderone. Come ci ha insegnato il dottor Hiriluk, una persona muore solo quando viene dimenticata e la volontà di Oden arde ancora nei Foderi Rossi.

Ora, a 20 anni di distanza, si sono nuovamente riuniti nella terra che il loro padrone ha cercato fino all’ultimo di proteggere, pronti a reclamare vendetta. Accompagnati dal grido di battaglia dei samurai, si sono scagliati su Kaido ed hanno dato inizio ad una guerra, pronti a sacrificarsi pur di prendere la testa del loro nemico giurato. Purtroppo per loro, quel momento in cui sembrava stessero avendo la meglio si è rivelato fugace e Kaido ha scatenato su di loro tutta la sua ferocia. Riusciranno nel loro intento? Probabilmente no… o almeno, non in prima persona. Dopotutto, un certo ragazzo dal Cappello di Paglia, del quale Kin’emon si fida quasi ciecamente, sta per giungere davanti a Kaido

Qualche cifra

Anno finito, è tempo di tirare le somme anche sul lavoro fatto da Oda: i capitoli usciti quest’anno ammontano a 34, a partire dal capitolo 964 fino al 997. Il numero è sotto la media, a causa di rallentamenti dovuti alla pandemia di Covid19 e ad una pausa di due settimane presa causa malattia. Per questi motivi, Oda ha segnato il suo record negativo di pause annuali, ben 12, accompagnate da 6 pause della rivista. Per quanto riguarda le pubblicazioni su Weekly Shonen Jump, la copertina della rivista è stata dedicata 7 volte a One Piece. Inoltre, Oda nel corso dell’anno ha realizzato 7 pagine a colori.

Traguardi raggiunti

In ambito soddisfazioni, il 2020 ha riservato qualche chicca. Ad Aprile, con l’uscita del volume 96, è stato ufficializzato il traguardo delle 470 milioni di copie vendute in tutto il mondo, che avvicina sempre di più il manga di Eiichiro Oda ad uno dei colossi del fumetto americano, Batman (484 milioni di copie vendute).

Inoltre, la serie si è classificata come la terza più venduta dell’anno, con 7,709,667 copie vendute e 3 volumi all’attivo nel 2020, dietro a “Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba” (82,345,447), che ha vissuto un exploit senza precedenti, e Kingdom (8,251,058, con 4 volumi all’attivo nel 2020). Per quanto riguarda le vendite dei singoli volumi, invece, One Piece ha conquistato la posizione numero 23, 24 e 25 della classifica rispettivamente con il volume 95 (2,054,642 copie vendute), volume 96 (1,898,453) e volume 97 (1,806,133).

Le uscite del 2020

Come anticipato nel paragrafo precedente, nel corso dell’anno sono usciti 3 nuovi volumi: il volume 95, il volume 96 ed il volume 97. Oltre a ciò, sono stati pubblicati anche i One Piece Magazine 9 e 10, rispettivamente ad Aprile e Settembre, e il nono Color Walk della serie, dopo più di due anni di attesa. Inoltre, sempre a Settembre, sono usciti ben 6 nuovi volumi a colori (87, 88, 89, 90, 91 e 92).

Per quanto riguarda le pubblicazioni italiane, invece, per l’edizione regolare sono usciti il volume 93, 94, 95 e 96, mentre per la New Edition sono usciti i volumi 83, 84, 85 e 86. Tra Novembre e Dicembre hanno fatto il loro debutto i due volumi della novel di Ace.

Conclusioni

Il 2020 è stato senza dubbio un anno di luci ed ombre, ma il 2021 che ci aspetta sarà assolutamente un anno esplosivo: climax della guerra di Onigashima, capitolo 1000 e volume 100. Preparate i fuochi d’artificio!

 

One Piece (ワンピース) è un manga scritto e disegnato da Eiichiro Oda che dal 19 luglio 1997 compare settimanalmente sulla rivista giapponese Weekly Shonen Jump. L’edizione italiana è curata dalla Star Comics, che ha cominciato a pubblicarlo nel nostro paese dal 1^ luglio 2001. Dal 20 ottobre del 1999, il manga è stato adattato in una serie televisiva anime, prodotta dalla Toei Animation e trasmessa ancora oggi in Giappone su Fuji Tv, l’edizione italiana è edita da Merak Film ed è andata in onda su Italia 1 dal 5 novembre 2001 per poi continuare su Italia 2 nel 2012; inizialmente intitolata “All’arrembaggio!”, la serie ha avuto diversi cambi di denominazione nel corso delle stagioni, fino ad assestarsi sull’originale One Piece.

Continuate a seguirci per rimanere informati su tutte le novità!


CATEGORIES

COMMENTS

Wordpress (0)